Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Recensioni
Libri

Per chi si appassiona alle storie: un libro che ricorda il Grande Torino

Giorgio Merlo e Marco Margrita raccontano l'epopea di una fede divenuta leggenda

13 Agosto
08:30 2019

Nell'anno in cui Torino e l'Italia hanno celebrato i settant'anni dalla tragedia di Superga, Civico 20 News è lieto di presentare ai suoi Lettori un interessante volume, che ha giustappunto per tema la "passione" per il Grande Torino. L'aver scelto l'uso delle virgolette non è casuale: il sostantivo passione deriva dal Latino passio, discendente da passus, participio del verbo pati, ovvero "soffrire". E quella della pluridecorata squadra di calcio, da quel maledetto 4 Maggio del 1949, è stata davvero una storia di sofferenza per tutti quei tifosi che, insieme ai giocatori, hanno sentito perire anche una parte di loro stessi.

Il libro "I Granata", scritto a quattro mani dal Giornalista RAI Giorgio Merlo e da Marco Margrita (Direttore de Il nuovo Monviso e di 2006 più Magazine, con cui Civico 20 News collabora da tempo per quanto concerne le pubblicazioni del gruppo Dai Impresa) si presenta come un utile e inedito breviario di riflessioni, pensato anche per chi "non è patito" di calcio (e dunque non "soffre" e "prova passione" per esso).

I vari capitoli offrono spunti per considerazioni di carattere storico e sociologico, collegati dal filo rosso (o meglio, dal filo granata) di un forte senso di appartenenza. Una fede calcistica che diviene vocazione al progresso, volontà di crescere e di migliorare, di "sfondare" lo stretto recinto di una città che mai prima era ascesa così in alto nell'Olimpo del pallone.

Molti saggi antichi sottolineavano come la vita sia una partita, una lotta all'ultimo colpo in cui conta solo rimanere in piedi più a lungo dell'avversario. In questo senso, lo schianto sulla collina di Superga può certo aver abbattuto un aereo e le persone che si trovavano a bordo, tuttavia non ha scalfito quello spirito di rivalsa e quell'orgoglio tutto sabaudo che il Torino ha saputo incarnare. Rendendolo, per sempre, Grande!

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo