Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

«Medicina veterinaria piemontese nel XIX secolo: tra città, campagna ... e cavalleria», a Torino

I Professori Ivo Zoccarato e Milo Julini terranno questa lectio magistralis presso la Cavallerizza Reale, nell’ambito del 29° Congresso dell’ESVCN (Società Europea di Nutrizione Animale e Comparata)

11 Settembre
10:00 2019

A Torino, dal 18 al 20 settembre 2019, si svolgerà il 29° Congresso dell’ESVCN (European Society of Veterinary and Comparative Nutrition), in italiano Società Europea di Nutrizione Animale e Comparata, che è stato organizzato dall’Università di Torino che ne ospiterà i lavori.

Nell’ambito del Congresso verrà anche ricordata la Celebrazione del 250° Anniversario della Scuola Veterinaria del Piemonte, nata nel 1769 a Venaria Reale, che, dal 1934, è divenuta una delle Facoltà dell’Università di Torino.

Per celebrare questo anniversario, il Prof. Ivo Zoccarato e il Prof. Milo Julini terranno una lectio magistralis sulla storia della scuola, dal titolo “Medicina veterinaria piemontese nel XIX secolo: tra città, campagna ... e cavalleria”, presso la Cavallerizza Reale, in via Giuseppe Verdi n. 9, mercoledì 18 settembre 2019, alle ore 18.30.

La cittadinanza è invitata a partecipare all’evento, aperto al pubblico.

 

La Scuola Veterinaria viene fondata nel 1769 nel Regno di Sardegna, a Venaria Reale (a 15 km da Torino) dal chirurgo Giovanni Brugnone (1741-1818). Il re Carlo Emanuele III aveva inviato quattro chirurghi ad apprendere la medicina veterinaria in Francia nell’intento di soddisfare le esigenze dell’arma di cavalleria nel corso delle frequenti guerre.

La nuova Scuola di Veterinaria, prima in Italia e quarta in Europa, è poi trasferita in vari siti nell’area di Torino e Cuneo (Chivasso nel 1793, il Castello del Valentino a Torino fino al 1814, Fossano dal 1834 al 1841, Venaria fino al 1859, Torino fino al 1999 e infine Grugliasco, sede attuale). Nel 1934 la Scuola è diventata una delle Facoltà dell’Università di Torino.

 

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo