Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca

La Cultura torinese si arrichisce, grazie all'impegno dell'editore Katia Bernacci della YUME.

Dal primo settembre nella nuova prestigiosa sede in via San Quintino 18/c, a Torino

10 Ottobre
09:30 2019

La casa editrice Yume  cambia sede e dà vita in via San Quintino 18 C, a Torino, ad un luogo dove poter condividere l’amore per la lettura tramite convegni, mostre e conferenze e dove poter acquistare i libri Yume e non solo. La storia di Yume Edizioni inizia nel 2013, quando da precedenti esperienze editoriali nasce la casa editrice. Specializzata in storia, antropologia e cultura in genere, Yume ha realizzato negli anni nuove sezioni dedicate alla narrativa, alla poesia e alla storia della criminologia e del territorio.

Tra le novità Yume Edizioni: la collana sul cinema torinese, con titoli quali “Silenzio, si gira!” di Enrico Giacovelli incentrato sui film muti della Torino di inizio Novecento e “Torino, scena del crimine” di Andrea Valentini sui luoghi della città che sono diventati set di pellicole horror. Interessante new entry è anche la collana basata sui temi della scrittura e della lettura, con libri come “Dall’indizio alla prova” di Edmund Hyumis che rappresenta un manuale di criminologia utile per scrittori e lettori di gialli, polizieschi e thriller.

E proprio il thriller è il protagonista della serie di tre libri di Mario Barale “All’ombra del salice”, “Attraverso il segreto” e “Il borgo dei pazzi” che racconta le avventure dell’ex Commissario di Polizia Nanni Baretti. Il burbero torinese, aiutato dal giovane Commissario Caruso, sarà impegnato a risolvere casi intricati e misteriosi.

E di mistero tratta anche “Il colore dell’inganno” di Barbara Rotta che mixa il crimine con l’arte e l’estro creativo. Un romanzo perfetto per chi ama il genere noir in una chiave diversa, più soft. Un libro ricco di indizi che si costruiscono attraverso la vita dei personaggi, le loro azioni, i loro dubbi da indagare e chiarire.

Ma non solo giallo, perché Yume Edizioni descrive anche la storia di Torino e del Piemonte, pubblicando libri come “Torino preziosa” di Massimo Centini, stampato in tre lingue (italiano, inglese e francese) e venduto in allegato al quotidiano La Stampa. Gli aliscafi sul Po, i cowboys in piazza d’Armi, i primi bagni torinesi, i luoghi di perdizione e la funiculare sono tra i tanti episodi narrati in questo volume dedicato a chi vuole conoscere i luoghi e le figure che hanno contribuito a far diventare Torino quello che è oggi: un raro gioiello da collezione.

La casa editrice continua poi ad essere legata a temi storici, esoterici e alle curiosità sul passato, ma non mancano alcuni titoli che possono soddisfare i lettori di generi diversi, come “Once upon a time” di Elena Romanello che analizza l’omonima serie televisiva fantasy ispirata alle fiabe classiche o “Trattori leggendari” di Giovanni Civera che ci riporta indietro nel tempo, quando il trattore era il bene principale di chi coltivava la terra o ancora “I luoghi del Toro” di Claudio Calzoni che racconta, con la passione e la precisione del tifoso granata, i posti e i protagonisti che hanno reso grande il Torino.   

Dunque, quello di Yume è un universo colorato e variegato, un universo aperto a tutti: lettori, scrittori, ricercatori, curiosi, un universo che, dal primo  settembre si è trasferito  in via San Quintino 18/c, a Torino, dove gli appassionati potranno assistere a numerose conferenze  e venire a conoscenza delle molteplici novità legate al mondo dei libri e degli autori.

E chi lo desidera, avrà la possibilità di partecipare alle iniziative del nuovo circolo letterario Bureau d'Esprit che propone eventi e conferenze inerenti il mondo del libro e della cultura, o iscriversi all’associazione Rue Morgue: il centro studi su arte e crimine, sponsorizzato dalla casa editrice e dal professore Massimo Centini, studioso e docente di storia della criminologia. Per rimanere aggiornati su quanto avviene  nella casa editrice Yume, è sufficiente visitare il  sito  www.yumebook.it

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo