Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

L’uomo, i misteri e l’ignoto

Dialoghi sul senso della vita – 6.14 di n.

Schiavi di forze generate da noi stessi.

27 Dicembre
11:00 2019

Prosegue dal precedente articolo dal titolo: Mangiare per non essere mangiati?

--------------------------------------------------------------------------------------

Ognuno di noi agisce perché ritiene che sia giusto così e poi lo giustifica dicendo che lo fa per il bene del figlio o perché la società lo impone; ma fondamentalmente lo fa perché si impone di fare la cosa più conveniente per se stesso! Infatti nessuno potrebbe sapere cosa sia più conveniente per se stesso se non la persona stessa!

 

Lapalissiano!

 

Potente e diabolico!

 

Frutto del patto che noi stessi abbiamo fatto incoscientemente con la nostra parte diabolica perché ci dia tutto quello che riteniamo giusto e non ci faccia soffrire, allontanando da noi le parti di quelle stesse cose che non ci piacciono o che non vogliamo.

 

Ancora una volta tutto questo ci ricorda il patto di Faust o le tentazioni nel deserto o il ritratto di Dorian Gray (il patto consisteva nel far invecchiare il ritratto al posto di Dorian).

 

Se qualcuno ci avesse proposto di fare quello che noi stessi ci siamo imposti di fare, gli avremo sparato in testa immediatamente, dicendo che nessuno ha il diritto di imporci alcunché!

 

Gli avremo detto che era pazzo; però poi noi facciamo esattamente lo stesso dicendo che qualcosa o qualcuno ci ha costretti a farlo. Forse è vero, visto che ci sono assassini che ammettono di avere ucciso perché una voce gli aveva detto di farlo! Anzi no, è proprio vero: facciamo le cose che facciamo perché qualcosa dentro di noi ci dice di farle; solo che quel qualcosa non siamo noi anche se crediamo di sì! Siamo mossi come marionette da forze che neppure conosciamo e quindi pensiamo di essere mossi da noi stessi!

 

IDP… ah, ecco che mi è ritornato in mente cosa volevo chiedere … … riferendomi a quello che diceva alla signora sui santi e i pellegrinaggi … diceva che tutto si paga … che cosa paghiamo? … in che cosa consiste questo pagamento? … scusate se torno indietro un momento!

 

Nell’assoggettarci, nel diventare adepti passivi, nel prostituirci a qualcosa solo per avere una sicurezza, nel farci parassitare, nel diventare schiavi tutta la vita di quelle entità, qualunque nome gli si dia, in cambio di protezione come si fa con la mafia, giustificandola vergognosamente.

 

Alcune parole note a tutti come “non fatevi di me nessuna immagine”, “fuori i mercanti dal tempio”, “il mio popolo si perde per mancanza di conoscenza” e molte altre ancora sono sempre lì a ricordarcelo; ma noi facciamo come per le tasse: ci scandalizziamo per l’esistenza degli evasori quando siamo noi i primi a farlo! Ci scandalizziamo per l’esistenza di tossicodipendenti che cercano la droga per sentirsi bene e poi corriamo tutti insieme in pullman alla ricerca della nostra droga preferita cantando in coro la nostra adorazione al pusher del momento!

 

Tutte queste pratiche con la vera religione non hanno nulla a che fare!

 

IDP… sono lì apposta per farci fare queste cose! … queste entità! …

 

Le abbiamo generate noi ed ora siamo “obbligati” a mantenerle come facciamo con i nostri figli! Siamo diventati i fornitori della loro “paghetta” senza più possibilità di liberarcene! …

 

IDP… mamma mia! …

 

Si vabbè! …Coraggio! …

Mica volevo deprimervi; era solo un film! 

Possiamo spegnere il video quando vogliamo e dedicarci alla vita!

 

IDP… quando saremo nell’aldilà penseremo a quello che abbiamo detto ora? … saremo capaci di comprender cosa occorre fare? … per la prossima volta? …

 

Solo quando nasce, almeno per un momento, la vera coscienza, tutto muta; non tutto continua a restare incosciente; la piccola parte della coscienza che è nata non morirà più e seguirà questo processo di maturazione per sempre! Questa coscienza è il soggetto della nascita chiamata Natale; per questo si dice che il Natale avviene una volta sola nel corso della vita e quando è ora che avvenga! Quello che nasce è l’embrione del vero essere umano che ritorna a vivere dopo essere stato per tanto tempo come morto! Questa è la vera resurrezione dai morti! E questo corpo torna ad essere lo strumento che è sempre stato, non si crede più l’intero essere.

 

IDP… quindi ogni giorno può essere Natale! …

 

Assolutamente! Il giorno in cui avessimo il coraggio di alzarci e dire basta a tutte le solite cose, alle solite convenzioni con le quali intasiamo il nostro essere, solo il giorno in cui faremo soltanto quello di cui comprendiamo la ragione essenziale, quello sarà il nostro vero giorno Natale.

 

IDP… solo che non si può …

 

Non si può? (brusio)

 

IDP… qualche mattina la penso un po’ così … poi mi giro attorno … la famiglia e altro … torni a fare quello che ti chiede di fare … le convenzioni, dove ti porta la vita … o una sera che mi viene la voglia di dire che mi sono rotta le …

 

Pensate a mia moglie, che si è sposata e si è trovata con uno di questo genere … allora, se è ancora con me mia moglie, vuol dire che veramente tutto è possibile, che c’è spazio e possibilità per ognuno comunque sia … (risate)

 

IDP… si ritiene una cosa rara! …

 

IDP… alien! … (risate)…

 

…non posso non dire che sia una cosa difficile vivere con qualcuno che ha smesso di essere un blocco monolitico, che non è più quello di cinquanta anni fa, no?

 

IDP… si vede che sua moglie è sulla stessa lunghezza d’onda! …

 

Un momento! Non vi racconto cosa abbiamo passato nel corso degli anni, però sono arrivato alla conclusione che se siamo ancora insieme, e in modo particolare lei è ancora insieme a me, che ho subito così tante modifiche rispetto a quando mi ha conosciuto, allora si può dire che c’è veramente spazio per tutti! …

 

IDP… ma c’è l’amore, no? …

 

Ho passato metà della vita nello sforzo di conformarmi alle convenzioni, facendomi e facendo del male a coloro che cercavo di mantenere nella visione corretta delle cose secondo quello che credevo e che mi avevano insegnato, fino a quando ho compreso che quanto mi era stato insegnato …

 

 

Prosegue nel prossimo articolo 6.15 di n dal titolo:

il cambiamento spaventa.

 

 

Foto e testo

Pietro Cartella

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo