Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

7 novembre. Una data, due grandi donne. Di Clara Bon

Jeannette Rankin e Hillary Clinton nella storia della politica USA

7 Novembre
10:45 2019

Jeannette Rankin e Hillary Clinton sono di due generazioni diverse, ma hanno molti punti in comune.
Donne di politica, coraggiose, forti, giuste. Ad 84 anni esatti di differenza l’una dall’altra, esattamente il 7 novembre, sono entrate a loro modo nella politica statunitense.

Il 7 novembre 1916, Jeannette Rankin è infatti la prima donna ad essere stata eletta membro di uno dei rami del Parlamento.  Venne eletta con il Partito Repubblicano, alla Camera dei Rappresentanti, dove poi venne rieletta nel 1941.

Nacque a Missoula, nel 1880. Si laureò all’Università del Montana nel 1902 e lavorò per vari anni come assistente sociale a Seattle, dove iniziò a fare politica sostenendo le suffragette. Fu senza alcun dubbio una donna coraggiosa e rivoluzionaria. La sua battaglia politica fu decisiva per concedere il diritto di voto alle donne nel Montana.

Fervente pacifista, si oppose alla partecipazione degli Stati Uniti alla Prima Guerra Mondiale. Successivamente fu l’unico membro del Congresso a votare contro la dichiarazione di guerra al Giappone, dopo l’attacco di Pearl Harbor.
Anche negli ultimi anni della sua vita non abbandonò mai i suoi ideali: si oppose con fervore alla Guerra del Vietnam. Morì nel 1973.

La prima opposizione di cui si fece leader, riguardante gli Stati Uniti, la rese impopolare tra l’elettorato repubblicano. Fu per questo che dal 1943 non si candidò più, e al termine della Seconda Guerra Mondiale, si recò in India e divenne una sostentatrice della nonviolenza di Mahatma Gandhi. 

Fu una grande ammiratrice di Martin Luther King Jr. e fu molto amica di sua moglie, Coretta Scott King, oltre che della cantante folk Judy Collins.

Lo stesso giorno ma 84 anni più tardi, il 7 novembre del 2000, Hillary Rodham Clinton, altra donna statunitense, viene eletta al Senato degli Stati Uniti, diventando la prima First Lady ad ottenere un incarico parlamentare. 

Hillary Clinton nasce nel 1947 e diviene avvocato. Nel 1975 sposa Bill Clinton, 42° presidente degli Stati Uniti d’America. Portò con grande eleganza la nomina di First Lady dal 1993 al 2001.

Forte e provocatoria, fu la prima donna ad essere ammessa come socio nel ‘Rose Law Firm’, uno degli studi legali più antichi degli USA e in contemporanea faceva parte dei consigli d’amministrazione di due grandi multinazionali. 

Senz’altro la Clinton, ricoprì una posizione meno pacifista rispetto alla Rankin. Infatti, durante la sua permanenza al Congresso, sostenne apertamente l’intervento armato in Afghanistan e in Iraq, anche se, in un secondo momento, criticò la gestione delle operazioni militari da parte dell’amministrazione di George W. Bush. 

Nel 2008 prende parte alle elezioni primarie del proprio partito, ma viene sconfitta da Barack Obama, primo presidente di colore della storia.
Nel 2016 partecipa nuovamente alle primarie democratiche, nelle quali viene di nuovo sconfitta. Questa volta da Donald Trump, attuale Presidente degli Stati Uniti d’America.

 

                                                                                     Clara Bon
 

 

 

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo