Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Sport
Juventus

Champions al sicuro, ma Juve non convincente

A tempo scaduto, i bianconeri battono i russi per 2 a 1

8 Novembre
11:00 2019

Se qualcuno aveva dubbi su cosa fosse il sarrismo, ora lo sa: gran possesso palla, maggiore offensività ma poca concretezza, almeno per quel che si è visto sino ad ora.

In Champions League, come già accaduto in passato in più di un'occasione, la Juventus di Sarri ha giocato a sprazzi, con parecchio fraseggio di prima ma sempre in orizzontale, con qualche svarione difensivo di troppo a cui si sta aggiungendo una forma fisica di Ronaldo leggermente sottotono rispetto alla scorsa stagione.

La cosa positiva del nuovo tecnico è sicuramente il coraggio, quello che lo vede spesso far entrare il giocatore che gli risolve la partita, come ieri con Duglas Costa e recentemente anche con Dybala, cui si è aggiunta ieri quello di togliere anzitempo l'intoccabile Ronaldo che tuttavia è parso non al massimo della forma.

A detta di molti opinionisti sportivi, il sarrismo viene fuori dopo Natale e allora non ci resta che aspettare, anche perché con la rosa ampia a disposizione è evidente che, seppur i tifosi bianconeri siano "stufi" di vincere scudetti, mai come quest'anno non lo si può vincere con una squadra così, pena il vedere Sarri come uno incapace di vincere i Campionati (vedi Napoli e Chelesa).

Dopo Natale, oltre all'impronta di Sarri, è probabile nonché auspicabile che alcuni giocatori possano rendere come non hanno reso sino ad ora.

De Ligt è dovuto subito entrare nei meccanismi difensivi per l'improvviso ingresso in  infermeria toccato a uno come Chiellini difficilmente sostituibile, soprattutto da un giovane di vent'anni appena arrivato dall'Olanda.

Ci sono poi Ramsey, tecnicamente dotato ma che deve ancora recuperare la forma dopo l'incidente di questa primavera, e Rabiot che appare un po' lento ad entrare nei meccanismi della squadra.

A questi si aggiunge l'utilissimo Duglas Costa, appena rientrato dal lungo infortunio e in grado di mostrare subito le sue qualità nel dribbling nel gol che ieri ha dato anzitempo la qualificazione al turno successivo della Champions League.

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo