Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Torino

Le "Sardine" arrivano anche a Torino ?

22 Novembre
08:30 2019

Sembra che il movimento delle "Sardine" stia per organizzare una manifestazione anche a Torino.

 

Il gruppo, nato sulla scia dei movimenti spontanei dell’Emilia-Romagna, già ieri contava circa 45 mila adesioni virtuali per una manifestazione che potrebbe essere a Torino a dicembre.

 

In realtà gli organizzatori delle "Sardine torinesi" non hanno ancora annunciato nessuna data ufficiale della manifestazione a Torino, però una data sembra essere molto probabile.

 

Potrebbe essere martedì 10 dicembre, visto che è il giorno in cui Matteo Salvini si presenterà presso il Tribunale di Torino per l’udienza del processo in cui è stato accusato di vilipendio dell’ordine giudiziario, per via di alcune frasi considerate oltraggiose pronunciate durante un comizio della Lega il 14 febbraio del 2016 a Collegno (TO).

 

Al di là di questo aspetto giudiziario (saranno i giudici a decidere di questa accusa) e del fatto che si possa condividere, o no, la politica della Lega e di Salvini, è bene ricordare chi sono i leader delle "Sardine" partite da Modena.

 

Sono Samar Zaoui (una tunisina in Italia per motivi di studio ?!) e Jamal Hussei (un nato in Italia da famiglia libanese) i quali, pur dichiarando che sono contro l’odio (!!), poi invocano la morte di Salvini (!!).

 

Secondo queste "Sardine" bisogna fermare il clima d’odio diffuso dalla Lega, mentre in realtà sono proprio loro, le "Sardine", a invocare la morte dei leader politici avversari, diffondendo durante queste manifestazioni slogan carichi d’odio contro chi non la pensa come loro, forze dell’ordine comprese.

 

Basta rivedere le immagini di una delle loro prime manifestazioni, quella di Bologna, per rendersi conto che non c’è nulla di più “fascista” di queste forme di protesta, offensive e intimidatorie.

 

Praticamente una “nuova sinistra” che cambia i nomi, oggi "Sardine", ma rimane quella violenta dei centri sociali, appoggiata da una certa classe politica (sempre di sinistra) che cerca di fare di tutto per imporre il proprio potere.

 

Con la complicità di queste “Sardine” che poco intelligentemente si prestano a questo gioco d’odio contro gli avversari politici.

 

Sperando finisca presto, e non contamini anche la nostra bella città. 

 

Grazie alla giunta M5S ed Appendino, di tutto abbiamo bisogno, ma non di "Sardine".

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo