Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

«Desmè - L'esperienza di un ingegnere di grandi opere e lo sviluppo infrastrutturale italiano», a Torino

Incontro con Alessandro Macchi, autore del volume, presso Centro Studi Piemontesi

22 Novembre
10:15 2019

Civico 20 News ospita, al fine di contribuire alla diffusione dell’informazione, la Locandina-Invito, inviata dal Centro Studi Piemontesi- Ca dë Studi Piemontèis (dr. sa Albina Malerba), relativa all’incontro con l’autore del volume ““Desmè - L’esperienza di un ingegnere di grandi opere e lo sviluppo infrastrutturale italiano”, evento che avrà luogo lunedì 25 novembre 2019 alle ore 18,00 presso lo stesso Centro Studi Piemontesi, in via Ottavio Revel n. 15, a Torino.

 

Ingresso libero

******************

 

Lunedì 25 novembre 2019 ore 18

al Centro Studi Piemontesi

via Ottavio Revel 15 – Torino

 

Incontro con Alessandro Macchi autore del volume

Desmè

L’esperienza di un ingegnere di grandi opere

e lo sviluppo infrastrutturale italiano

 

Edizioni Centro Studi Piemontesi-Ca dë Studi Piemontèis 2019

 

Desmè è parola piemontese antica, forse originaria delle “terre alte”, che dice del potere interiore di far rivivere in assoluta attualità emotiva momenti mai dimenticati, ma pacatamente riposti nel fondo della memoria. Nel volume Desmè colpisce innanzi tutto la capacità dell’autore di raccontare il lavoro relativo a grandi opere di ingegneria e di farne il vero asse portante della storia. Nella narrazione si coniugano l’esperienza personale, lo sviluppo del sistema infrastrutturale italiano e l’evoluzione del nostro paese dagli anni ’60 ad oggi. Il testo è ampio e articolato. Ogni capitolo-racconto ha un suo centro emozionale senza che il “romanzo” perda di unità: ogni capitolo infatti rappresenta uno strato geologico della vita dell’autore e del nostro paese e va a comporre una sorta di biblioteca che il lettore può esplorare via via con rinnovato interesse. Il modo di raccontare è ricco e avvincente, felice di immagini. Il legno, materiale indispensabile un tempo nelle costruzioni, il ferro, la roccia, l’acqua amica-nemica, le macchine stesse si animano e prendono parte alle vicende drammatiche in rapporto dialettico con gli uomini impegnati in imprese ai limiti del possibile. Fanno da controcanto la “nivola”, la mansarda alta sui tetti di Torino, e il giardino della casa di pietra sul mare di Punta Licosa, luoghi del cuore e della meditazione

 

Alessandro Macchi, progettista e direttore di cantiere, ha realizzato grandi opere di ingegneria civile, ponti, viadotti, opere idrauliche, condotte sottomarine e soprattutto gallerie naturali e urbane in specie per ferrovie e metropolitane in condizioni articolate e complesse. In Etiopia ha costruito una grande strada nel Wollega, una zona impervia tra gli altopiani, le ambe, e la savana, poi altre opere in Canada, Algeria, Venezuela, Portogallo, Danimarca, Bulgaria, Mauritania.  La sua attività copre un periodo temporale lunghissimo che va dal 1959 ad oggi.  Dalle esperienze di lavoro vissute nel correre e trascorrere tra luoghi e affetti ha tratto due romanzi La Guerra delle Pietre (Einaudi 1975), Tunnel (Ripostes 1995) e un libro fotografico La terra dei Leoni (Opera 2002). Ha curato la redazione e il coordinamento del volume enciclopedico The art of Engineering (Mariogross 2009).

 

La conferenza potrà essere seguita in differita sul Canale YouTube del Centro Studi Piemontesi

 

Info: Tel. 011/537486 – info@studipiemontesi.it  - www.studipiemontesi.it

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo