Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Lettere al Direttore

Affittopoli ..... continua

Il 'caso Trenta' richiama alla mente lo scandalo che sembrava avere scoperchiato il malaffare di Stato dei privilegi

24 Novembre
09:30 2019

Gentile Direttore,

il 'caso Trenta' con il privilegio concesso dallo Stato all'exMinistra richiama alla mente lo scandalo 'AFFITTOPOLI' che qualche anno addietro sembrava avere scoperchiato il malaffare di Stato dei privilegi di cui ha sempre goduto la enorme 'CASTA' italica degli scrocconi in carica e dei tanti EX che godono da decenni di scandalosi e illegittimi benefici.

Lo Stato, nelle sue tentacolari emanazioni e proprietario di un enorme patrimonio immobiliare che, messo a reddito a valori di mercato potrebbe risanare le disastrate casse, riducendo concretamente il 'debito pubblico' che ancora oggi la Commissione Europea evidenzia come possibile causa di sanzioni e bocciature della manovra finanziaria.

E sul piano sociale il patrimonio immobiliare pubblico potrebbe risolvere il problema di centinaia di migliaia di famiglie a rischio sfratto.

E sul piano etico, il 'caso Trenta' dimostra come l'arroganza del potere non abbia limiti, arricchita anche da imbarazzanti bugie.

Quando si farà seriamente una battaglia contro gli abusi e i privilegi di Stato?  Ricordo un copioso studio pubblicato dall'ex Ministro Rafffaele Costa proprio sui 'privilegi'. Sono trascorsi decenni da allora ma tutto continua, tacitamente, come sempre.

Si susseguono le varie edizioni delle 'repubbliche italiane' ma nulla cambia! Eppure sarebbe facilissimo porre rimedio a questo scandalo perché la situazione è ben visibile.

E poiché la 'casta' gode di redditi certamente di molto superiori a quelli del Cittadino medio, non si capisce perché non debba pagare affitti e spese come ogni famiglia normale.

È' un'utopia sperare in un Paese normale? 

Cordialità!

 

 

 

 

 

 

GianFranco Billotti

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

Egregio Sig. Billotti,

purtroppo il clientelismo è sempre stata una piaga del sistema politico che ci ha governato nell'arco degli anni.

Una presenza infettiva che contagia chiunque acceda a posizioni di dominio demandando ai sudditi il compito di incensare chi è stato scelto per portare avanti un disegno già completato nelle stanze del potere.

Naturalmente, siccome finora non esiste l'immortalità ministerale, faccio fatica a pensare che il consolidato malcostume possa essere debellato nonostante presunte lodevoli iniziative o concrete, e purtroppo mai applicate, come quella dell'ex Ministro Raffaele Costa peraltro da Lei puntualmente ricordata.

Ed il popolo continua ad assistere alla sagra dei privilegi che vanno regolarmente a favorire chi già è favorito dalla posizione che ricopre all'interno dell'igranaggio governativo.

Ed il patrimonio immobiliare serve proprio, a mio avviso, per mantenere un apparato assolutamente discutibile, anche se mi pare assai improbabile che una qualsiasi forza di governo possa destinarne, anche solo una parte, al risanamento della crisi abitativa.

E questa assai discutibile situazione si è consolidata sotto tutti i governi che si sono succeduti, con alterno successo, alla guida di una nazione che soffre ancora le antiche colonnizzazioni.

Per cui quella che Lei definisce

"la enorme 'CASTA' italica degli scrocconi in carica e dei tanti EX che godono da decenni di scandalosi e illegittimi benefici"

resterà ancora per molto anche perchè chi assapora il gratuito benessere difficilmente accetta o accetterà serenamente di doverne farne a meno.

 

 

 

 

 

 

 

 

Civico20News

Massimo Calleri

Direttore Responsabile

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo