Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca

Pianeta Juve - La capolista ottiene un deludente pareggio in casa

L'Analisi di Marco Rabellino

2 Dicembre
11:00 2019

Allo Stadium si presenta il Sassuolo. Sulla carta una partita facilmente superabile per una corazzata come la Juventus e invece i bianconeri concedono un 2-2 inutile ai fini della classifica.

Bianconeri che partono forte e si presentano subito davanti alla porta dell’esordiente Turati. Betancour recupera palla sulla trequarti scarica su Pjanic, il bosniaco crossa per Higuain che non trova la porta.

Al 20’ arriva il vantaggio, incursione di Bonucci in avanti. Il difensore viene servito sulla trequarti e calcia da fuori area trovando l’angolo basso e un gran gol.

Il Sassuolo non crolla e con Boga acciuffa il pareggio. Caputo serve Boga in area bianconera e senza trovare ostacoli supera Buffon con un pallonetto.

Nel secondo tempo assistiamo al suicidio calcistico della Juventus. Cuadrado pressato effettua un retropassaggio a Nessuno. De Ligt marcato calcia via malamente la palla che viene raccolta da Caputo al limite dell’area. L’attaccante del Sassuolo calcia al volo e trova il vantaggio neroverde complice un intervento “inguardabile” di Buffon.

Ronaldo si affida alle punizioni e per poco non trova la rete se non fosse per un grande intervento di Turati che devia alto.

Passano pochi minuti e Higuain si divora un gol da due passi calciando su Turati. L’argentino non riesce a finalizzare un’azione partita da CR7 e proseguita col cross di Emre Can.

Entra Dybala e la partita come accaduto nelle ultime partita cambia radicalmente. Proprio l’argentino si procura il rigore che consente a Cr7 di agguantare il pareggio.

Nel finale la Juventus cerca il gol vittoria con Ramsey. Il gallese trova la deviazione di Turati con palla che viene raccolta dallo stesso portiere mentre rotola verso la porta.

Buffon sbaglia in occasione del secondo gol neroverde che cambia la partita consentendo al Sassuolo di chiudersi in difesa. Siamo lontani dal Supergigi dei bei tempi.

De Ligt chiude bene gli spazi ma combina il patatrac concedendo a Caputo un palla clamorosa invece di spazzare via.

Bonucci resta attento tutta la gara. Si trasforma in centravanti segnando con un gran tiro da fuori area.

Cuadrado soffre Boga in fase difensiva e il retropassaggio sbagliato è il simbolo di una Juve confusa. In avanti manca il suo appoggio.

Alex Sandro è molto impreciso. Viene superato varie volte dagli attacchi neroverdi e si dimostra in netta difficoltà rispetto alle altre volte.

Emre Can non incide nei pochi minuti che gli vengono concessi. Sbaglia tanto. Viene sostiutuito da Matuidi che porta muscoli al centrocampo bianconero.

Pjanic pare affaticato ma ci mette del suo in tutte le azioni bianconere. Affretta le ripartenze appena recuperato palla.

Betancur il migliore della Juve. Gioca dappertutto. Si inserisce bene nella fase offensiva ed è un muro che il Sassuolo deve abbattere per oltrepassare il centrocampo. Giocatore molto importante con questa qualità.

Ronaldo si ritrova nel secondo tempo dopo 45’ di nulla. Cerca la rete e crea un paio di occasioni potenziali. Segna il rigore del pareggio spiazzando Turati.

Bernardeschi continua nel periodo buio. Sbaglia tanto e si becca anche i fischi. Sarri lo sostituisce con Dybala che brilla ancora una volta. Si procura il rigore ed è sempre pericoloso.

Higuain è in serata no. Si divora un gol da pochi metri e poi calcia addosso al portiere un pallone solo da spingere in porta.  Viene sostituito nel finale da Ramsey che per poco non trova il gol vittoria.

Una partita sulla carta facile che la Juve riesce a tramutare in pareggio con due gol che fanno diventare fenomeni dei perfetti giocatori sconosciuti. Il secondo gol del Sassuolo è al limite del ridicolo con un retropassaggio da semi-professionisti e Buffon che para deviando in porta il pallone manco fosse la prima partita che gioca in carriera. Per gli scommettitori sarà stata una pacchia il pareggio di oggi…

 

Marco Rabellino

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo