Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Terza Pagina

Capacità di vision

Cogliere l'unitarietà dei fenomeni significa saper disegnare gli scenari futuri

4 Gennaio
08:30 2020

In quante componenti è strutturata la Cultura? O meglio, esistono diversi aspetti della Cultura oppure essa è unitaria, costituita da un’amalgama di tematiche che – ben lungi dall’essere relegate in compartimenti stagni – rappresentano in realtà plurimi aspetti di un sapere in cui tutto è collegato?

La società frenetica e iper-specialistica in cui viviamo ci induce a suddividere il sapere in blocchi, ciascuno appannaggio di specifiche professionalità, spesso arroccate nella difesa di un fortino che pare di loro esclusiva pertinenza. In questo si è purtroppo smarrita la dimensione olistica della conoscenza, intesa come una collana dai molteplici anelli dove ogni passaggio è fondamentale per aggiungere il raccordo successivo.

Similmente, già nell’antica Grecia culla della moderna civiltà occidentale, il percorso per il consolidamento e la costruzione di nuova conoscenza veniva associato a una piramide. Essa, pur non richiamando direttamente l’elemento di circolarità, individuava in ciascun gradino la solida base sulla quale posare i mattoni successivi.

Questo modello, generale e iterativo, abbraccia ogni aspetto come parte integrante e imprescindibile di un tutto, senza cedere alla logica delle fazioni rivali e non dialoganti (come quella, dolorosissima, che pure nelle aule accademiche contrappone a volte Scienza e Umanesimo).

Cogliere il senso complessivo delle cose, contestualizzandolo rispetto a una realtà complessa e sfaccettata, significa conoscere davvero i fenomeni: tanto quelli fuori di noi, quanto quelli che hanno luogo dentro di noi.

Significa sapersi proiettare all’esterno, o in pratica – detto in termini moderni – avere vision e capacità di sintesi. Doti che, in primis, dovrebbe possedere la classe politica, al vertice della piramide proprio perché chiamata a occuparsi dell’argomento più sensibile di tutti: il Bene comune.

 

 

(Immagine in copertina tratta da kolorujmy.pl)

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo