Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Torino

Torino - Appendino vai a casa!

Ieri i giovani di Forza Italia hanno portato il carbone alla sindaca

7 Gennaio
08:00 2020

Oltre all’inazione ormai consolidata di una sindaca indegna di occupare la carica  che fu fattivamente ricoperta da  Amedeo Peyron, Guseppe Grosso e Giovanni Porcellana, tanto per citare i più noti, stanno circolando cronache e testimonianze dettagliate sul perché costei è stata scelta a divenire prima cittadina.

Non certo per doti carismatiche, indicazione dal basso, ma per soddisfare il coacervo d’ interessi che la solita Casaleggio srl, ha ordito ai danni della città.

Ed i risultati si vedono, la sua incapacità è acclarata, mentre il declino di Torino è inarrestabile. Oltre alla raccolta di firme per invitare gentilmente Chiara Appendino, a togliere l’incomodo, che sta organizzando Mino Giachino, ieri un centinaio di giovani aderenti e simpatizzanti di Forza Italia, ha manifestato davanti al Municipio.

"Riprendendo un’iniziativa che ormai da anni il movimento giovanile compie simbolicamente il giorno della befana, anche i giovani di Torino hanno voluto organizzare un sit-in simbolico per consegnare il carbone alla Sindaca Appendino".

Ad annunciarlo il coordinatore cittadino di Forza Italia a Torino Davide Balena e il coordinatore dei giovani azzurri Tommaso Varaldo, a margine del sit-in. Eloquenti i cartelli “Appendino, dimettiti subito!”

"Questo gesto, proseguono i coordinatori di FI, è ampliamente giustificato dai numerosi fallimenti di questa amministrazione comunale, cominciando dalla perdita di grandi eventi quali le Olimpiadi ed il Salone dell’Auto, proseguendo con la pessima gestione della viabilità culminata con il surreale progetto della nuova Ztl. Si aggiungano inoltre i tagli alle scuole paritarie unitamente ai grossi problemi sulle mense scolastiche. Già solo per questi, che sono solo alcuni esempi, direi che il carbone per il Sindaco e la sua Giunta è ampiamente meritato.

Saremmo meno arrabbiati se tali errori non ricadessero sulle teste dei Torinesi e probabilmente anche all’interno della maggioranza, visti i numeri sempre più esigui, qualcuno se ne sta rendendo conto. Questo 2020 sarà un anno cruciale per il centrodestra per dimostrare ai cittadini di Torino che c’è davvero la possibilità di far rinascere la nostra città ricordando questi ultimi anni come una parentesi da dimenticare".

Conclude Varaldo: “Oggi la befana porta al Sindaco Appendino e alla sua maggioranza molto carbone. Torino piange sulle ferite della Giunta Appendino che ha provocato molti e gravi danni al tessuto economico e sociale della nostra città: su tutti il disperato tentativo di paralizzare la TAV, l’abbandono completo al degrado e allo spaccio delle periferie, del Parco del Valentino, della Cavallerizza. Questi sono solo alcuni dei fatti che sanciscono il fallimento di questa amministrazione che si sta sgretolando e che oggi rimane in piedi solo grazie ai voti di consiglieri vicini ai centri sociali e ai no tav”. 

“Cara Sindaco Appendino il 2020 potrà essere davvero l’anno del rilancio - conclude Varaldo - Ma lei deve fare un atto di vero amore per la sua città: si dimetta, liberi la nostra Torino oggi ostaggio di una classe dirigente che non è in grado di amministrarla”

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo