Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Lettere al Direttore

Effetto Mogherini

Le riflessioni di un affezionato lettore

12 Gennaio
12:00 2020

Gentile Direttore, il dibattito di questi giorni sulla grave crisi della diplomazia europea nello scontro in atto tra Medio Oriente e USA riporta alla mente il 'contributo' che il nostro Paese ha dato alla Commissione Europea insediando per cinque anni la 'renziana' Federica Mogherini al vertice della diplomazia continentale.

Già allora era difficile capire quale apporto fosse in grado di offrire all'UE ed ora anche il ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio, evidentemente spaesato e spiazzato dalla dinamica delle strategie Turche, Russe e, finanche, Greche, accentua la sensazione dell'ininfluenza Italica a livello internazionale.

Pensando al ruolo di Cavour nel fare del mosaico degli 'staterelli' italici una nazione, non disponendo di aerei e della piaggeria mediatica attuale, credo sia utile una riflessione sulla Diplomazia del terzo millennio.

Grazie per l'attenzione.

Cordiali saluti.

GianFranco Billotti

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

Egregio lettore,

il nulla produce nulla.

Mi duole dover ammetterlo, ma i fatti sono sotto gli occhi di tutti; il peso dell'Italia nel contesto UE è sempre più marginale anche per il passivo contributo della situazione interna che non decolla rendendo inaffidabile anche il solo parere in merito a qualsiasi decisione.

Gli eventi dell'ultima ora dimostrano quanto sia sempre più snobbato l'apporto italiano all'attività politica internazionale nonostante i proclami della Presidenza del Consiglio e di chi, fedele satellite, gli gravita intorno.

E ciò viene inevitabilmente condizionato dalla situazione interna che sta vivendo la Nazione alla ricerca di una stabilità che, mi viene da dire, non si vuole raggiungere democraticamente ricorrendo alle alleanze del momento che di fatto non rispecchiano la volontà del popolo al quale si nega, oltretutto, di andare al voto.

Allora, il processo induttivo è estremamente esplicativo; ed anche i personaggi continuano a svolgere il ruolo di comparse sempre soggette agli attori protagonisti che non vestono, da troppo tempo, la casacca tricolore italica.

Pensare a Cavour oggi fa riflettere profondamente come pensare alla Diplomazia del terzo millennio che "accetta" come unica giustificazione all'abbattimento iraniano dell'aereo ucraino "l'avventurismo degli USA", frase grottesca pronunciata dal Ministro degli Affari Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. 

      Civico20 News     

Il Direttore responsabile                                    

        Massimo Calleri       

Condividi l'articolo

Rubrica di

Commenti all'articolo