Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Terza Pagina

Quelle nubi di sardine che oscurano le terre emiliane

E gridano bella ciao in luogo di “avanti popolo”

14 Gennaio
11:00 2020

E’ difficile capire se il compagno Bonaccini sapeva o non poteva sapere od anche….non poteva non sapere, secondo le formule adottate dai magistrati italiani ai tempi di mani pulite.

Perché oltre ai fatti accertati, relativi al commercio dei bambini sottratti alle famiglie per essere messi in vendita a conoscenti od al migliore offerente, da anni nella regione Emilia Romagna, circolavano voci sommesse che narravano altre stravaganti vicende.

Ne aveva scritto un avvocato, che nella drammatica vicenda di Bibbiano, ancora sotto inchiesta, aveva assunto la difesa di uno psicoterapeuta che, da Moncalieri in Piemonte, era accorso in Emilia con lo scopo di gestire quel commercio di bambini. 

Andrea Coffari, l’avvocato difensore del sedicente psicoterapeuta Claudio Foti, è insieme a lui componente del direttivo dell’associazione “Rompere il silenzio. La voce dei bambini”. Quello che pensa l’avvocato, che è stato candidato alle elezioni nel Movimento 5stelle, può essere dedotto dal suo profilo facebook, dove scrive con molta convinzione” C’è un filo rosso che lega il potere alla pedofilia e alle sette più o meno sataniche e rituali. C’è chi ha interesse che questa amara verità sia svelata e c’è chi ha interesse ed opera perché rimanga nascosta”.

Questa sua convinzione si collega alle affermazioni di Francesco Monopoli, anche lui componente del gruppo del Coffari, che sosteneva “che vi era una cerchia di persone molto potenti dediti alla pedofilia, alle quali le famiglie povere avevano venduto i propri figli per soddisfare le esigenze sessuali del gruppo”.

Una fissazione, che, come tale, potrebbe anche essere attribuita ad una sindrome come quella di Asperger, (la stessa che affligge la autistica gretina svedese), si era diffusa in parte dell’Italia centrale e soprattutto nella regione emiliana, dove aveva cercato alleanze anche con l’estero.

Come nel, caso riferito dal giornalista Francesco Borgonovo, su “La Verità”, di quel video, pubblicato dall’avvocato Coffari, che illustrava l’ideologia di un guru che si chiama Robert David Steele. L’uomo che fa parte di un gruppo londinese nemico dei poteri forti, denominato “International Tribunal of Natural Justice” ha come ragione sociale quella di lottare contro i pedofili.

Il guru Steele parla nel video di “sette sataniche che rapiscono bambini per ucciderli e bere il loro sangue adrenalizzato” e sostiene che i minori che spariscono ogni anno, solo negli USA, sarebbero tra i seicento mila e gli ottocentomila. Afferma poi, sempre nel video condiviso dall’associazione ”rompere il silenzio” dell’avvocato Coffari, che un numero impressionante di bambini vengono rapiti e portati sul pianeta Marte, dove ci sarebbero colonie di piccoli schiavi di cui nessuno sa nulla. In una intervista concessa al sito Infowards, lo Steele ha poi aggiunto che “crediamo che ci sia una colonia su Marte che è popolata da bambini che sono stati rapiti ed inviati nello spazio nell’arco di venti anni”.

E’ poco credibile oggi che, intorno ed al di fuori dei fatti di Bibbiano, già accertati e messi sotto l’inchiesta denominata “Angeli e Demoni” dalla magistratura, possa essersi diffusa nelle terre emiliane una sottocultura folle e paranoica, viziata da fantasie utopiche, come quella che abbiamo citato.

E non è possibile che il politburo, o governo della Regione Emilia Romagna, diretto dal Bonaccini, non si sia mai accorto di quello che covava sotto la cenere rossa che ricopriva, e che ancora oggi ricopre, quelle terre, gettando una luce falsa, obliqua e perversa sui suoi abitanti.

Non è servito ad oscurare questa realtà, l’inquinamento delle acque operato dal PD e dal buon Bonaccini, con l’immissione nelle piazze di nugoli di piccoli pesci striminziti denominati sardine.

E’ giunta l’ora di cambiare e di rispedire al partito che li ha generati ed all’attuale governatore i branchi delle sardine che cantano “bella ciao” solo per nascondere il loro inno più congeniale che è l’“Avanti Popolo”.

(immagini theworldnews.net - wuz.it - theportugalnews.com)

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo