Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Voci e cose dal Piemonte

«Arte Ci Pare», i primi due appuntamenti dell’anno 2020

Paulin Siròt, presidente dell’associazione, segnala un corso di danze occitane e una conferenza dedicata al Piemonte

22 Gennaio
15:00 2020

Al fine di contribuire alla diffusione dell’informazione, Civico 20 News ospita le locandine di due eventi culturali che ci vengono segnalati da Paulin Siròt, presidente della Associazione «Arte Ci Pare».

Bondi cerea a tuti. Nell’augurare di cuore un buon 2020 da parte di tutta la famiglia di Arte Ci Pare, Vi inviamo i primi due appuntamenti dell’anno della nostra associazione.

Il primo, in ordine cronologico, è quello legato all’ormai tradizionale (11 edizione!) corso di danze occitane tenuto dal nostro massimo esperto in materia, Alberto Masino, coadiuvato dalla collaboratrice storica Silvana Bertotti. In questo caso l’iscrizione per le 6 lezioni è gratuita.

Troverete tutti i dettagli (come iscriversi, dove si tiene il corso ecc.) direttamente nella locandina.

Il secondo è invece un appuntamento molto particolare, dove si parlerà di Piemonte con due dei nostri fondatori (venerdì 24 gennaio, alle ore 18:30).

Franco Marmello, il Poeta Sognatore di Arte Ci Pare, lo farà attraverso le sue poesie, mentre Michele Bonavero ci illustrerà come è cambiato il modo di vedere la nostra regione e la nostra cultura sui giornali in lingua: da quelli dell’800 (il Birichin, il Fischietto ecc) a quelli attuali come la Slòira e Piemontèis Ancheuj, di cui Michele è una delle colonne e dove, modestamente, scrive da più di 9 anni anche il sottoscritto.

Alla SOMS De Amicis (corso Casale 134 a Torino), come sempre, seguirà la cena a buffet, imperdibile per chi la conosce già e da scoprire per chi non ha mai avuto modo di apprezzarla.

Speriamo proprio di poter iniziare questo nuovo anno (in cui abbiamo dei progetti notevoli che speriamo a mano a mano di potervi illustrare e di portare a casa) con lo stesso calore con cui avete seguito il 2019.

Che dire d’altro se non, come sempre, I vë spetoma, eh!

Paulin Siròt

 

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo