Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cronaca Nazionale

Il Welfare dei nonni

Gigi Cabrino per Civico20News

24 Gennaio
11:30 2020

Per rendersi conto della gravità della crisi che stanno attraversando famiglie ed imprese italiane da troppi anni è sufficiente dare un’occhiata ai dati recentemente pubblicati dall’Istat.

Da un lato i dati sull’occupazione, sventolati con toni trionfanti, sull’aumento del numero di occupati: peccato che l’istituto consideri occupato  anche chi abbia lavorato una sola ora, infatti il numero di ore lavorate in Italia risulta essere inferiore a quello del 2008.

Ma è soprattutto il dato sul “welfare dei nonni” – come lo ha definito l’Ansa – a far preoccupare.

L’Istat conferma che nell’anno appena trascorso quasi sette milioni e mezzo di famiglie abbia avuto un aiuto essenziale alla normale vita quotidiana grazie all’aiuto dei nonni pensionati ; risulta che senza l’aiuto di un genitore o nonno pensionato i nuclei familiari “vulnerabili” ( genitori soli o altre tipologie) vedrebbero raddoppiato il rischio di esposizione alla povertà.

Se consideriamo che il 36% dei pensionati, più di un terzo del totale, percepisce meno di mille euro mensili e addirittura il 12% non supera i 500 euro mensili, questi dati sul fondamentale supporto familiare che viene dato dai pensionati alle famiglie devono far considerare i nonni degli autentici eroi salvatori della Patria.

I pensionati andrebbero sostenuti in maniera convinta, specialmente in un paese in progressivo invecchiamento come il nostro, e invece?

La maggioranza giallorossa non ha ancora messo mani alle pensioni ma i segnali per una eliminazione di quota cento e di un inasprimento delle condizioni per il pensionamento ci sono tutti ( con conseguente santificazione della macellaia sociale prof.sa Fornero); certo che dalla sinistra delle lotte e rivendicazioni sociali degli anni settanta ci si aspetterebbe ben altro che una obbedienza cieca agli inviti pressanti da parte di UE e Fondo Monetario Internazionale ad innalzamenti generici dell’età pensionabile in Italia.

Tra l’altro in queste istituzioni l’età media di pensionamento è di 62 anni, ma questo è un altro discorso…

Su La Stampa di martedì 21 gennaio Stefano Lepri, con una punta di sarcasmo giornalistico, definisce la difesa delle pensioni come una “offensiva del partito degli anziani”; verrebbe da pensare che i giovani italiani richiedano a gran voce un innalzamento dell’età pensionabile e un taglio delle pensioni, ma a giudicare dai dati illustrati dall’Istat pare che proprio i giovani genitori in difficoltà economica siano i principali beneficiari di un sistema pensionistico che, comunque, allo stato attuale non garantisce certo vitalizi milionari alla gran parte dei nostri pensionati.

(immagine d'apertura Globalist Syndacation)

 

Gigi Cabrino

 

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo