Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Politica Internazionale

Ha ancora senso questa UE .... ed anche questo Governo?

Gigi Cabrino per Civico20News

23 Marzo
08:30 2020

Dunque per gentile concessione della Sig.ra Ursula l’Italia potrà scostarsi dai sacri vIncoli imposti dal Patto di stabilità; anche se non è ancora dato di sapere di quanto ci sarà benevolmente concesso di spendere i nostri soldi nel periodo di crisi recessiva più duro dal dopoguerra ad oggi, potremmo tirare un sospiro di sollievo.

Va detto che Germania e Francia, da buoni padroni di casa, hanno già deciso da alcune settimane di spendere a proprio piacimento i denari dei propri cittadini infischiandosene delle direttive comunitarie mentre il nostro governo ha voluto attendere un timido via libera non si sa bene a cosa e a quanto.

Inoltre va ricordato che gli stessi trattati europei, pur nella loro follia, ammettono la sospensione degli impegni in casi di grave crisi, come ricordato dal Prof. Tremonti in questi giorni.

Ma il punto è un altro ed è stato rimarcato da pochi.

La cosiddetta Unione Europea da vent’anni si regge quasi esclusivamente sulla moneta unica e sugli obblighi insensati di bilancio imposti ai paesi membri, obblighi che sono andati tanto a beneficio dei paesi del Nord Europa quanto a nocumento dei paesi del Sud; L’Ue non ha avuto altra voce in capitolo se non sul controllo dei bilanci statali e sull’imposizione di misure economiche e sociali draconiane – vedi Grecia -; altra ragione di esistere la cosiddetta UE  non ha avuto, in politica estera zero assoluto – se non accettazione supina ai diktat di Germania, Francia e presunte superpotenze extraeuropee – in politica sociale meno che zero. Quanto ai flussi migratori meglio tacere.

L’Ue ha predicato l’osservanza dei vincoli di bilancio assurti a dogma di fede, garantendo che questo e solo questo avrebbe reso forte l’area comunitaria.

Alla prima vera crisi tutto questo si è annullato, quindi libertà di bilancio, di deficit e di spese a debito ai singoli stati membri, così come avrebbe dovuto essere da sempre, in verità.

Ma se alla prova del 9 si dimostra superflua la sola ragione che ha retto e orientato l’agire della Cosiddetta Unione che senso ha questa supposta unione a cui abbiamo sacrificato numerose leggi di bilancio fatte di tagli e diminuzioni drastiche dei trasferimenti agli Enti locali?

In tutto questo caos comunitario il nostro Governo - retto dalla Sinistra che ha sonoramente perso le elezioni che hanno formato il Parlamento - con il Parlamento chiuso, a forza di decreti che scavalcano la sola assemblea che effettivamente e costituzionalmente rappresenta il Popolo sovrano, cosa pensa di fare?

Avvalersi della possibilità di prendere misure d’urgenza per porre un rimedio  alla serrata del sistema produttivo, sociale e familiare dell’Italia? Riappropriarsi della sovranità monetaria e bancaria  - pure sancite dalla Costituzione – per provvedere con misure d’emergenza alla crisi generata dall’incapacità di affrontare l’epidemia in corso?

Niente di tutto ciò; nella libertà timidamente concessa dalla Ue il Presidente del Consiglio ed il Ministro dell’Economia ( che pure sarà un illustre letterato ma di economia pare non capirci granchè) vogliono indebitarci col mostruoso MES, un mostro giuridico finanziario, che si regge di contribuzione degli stati comunitari per quasi 500 miliardi di euro; le misure straordinarie annunciate dal Governo verrebbero sostenute prendendo a prestito i soldi che noi stessi abbiamo versato a questa mega banca privata avente sede in Lussemburgo.

Da oltre settant’anni la Sinistra ha riempito ministeri  ed istituzioni con propri funzionari e dirigenti, fino ad alcuni anni fa erano anche preparati e professionalmente capaci; ma oggi nessuno tra questi supposti economisti, capi ufficio, segretari generali e compagnia bella alza un dito contro l’assurdo di un governo che senza il parere del Parlamento ( chiuso) nel periodo più duro degli ultimi decenni non trova meglio da fare che chiedere a prestito soldi nostri in cambio di interessi salati e dure riforme dettate dalla Troyka Ue  - Bce – Fmi?

Davvero nessuno ha niente da obiettare?

Gigi Cabrino

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo