Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Voci e cose dal Piemonte

«Attualitą di Giovanni Giolitti: Riformare per Conservare», a Torino

La conferenza del professor Aldo A. Mola č organizzata da C. CALMA Circolo Culturale Amici Letteratura Musica Arti

21 Settembre
15:00 2019

Al fine di contribuire alla diffusione dell’informazione, “Civico 20 News” ospita la locandina di questo evento culturale.

A Torino, lunedì 23 settembre 2019, alle ore 20.45, presso Il Fogolar Furlan, in corso Francia 275/B, il Professor Aldo A. MOLA, Storico, terrà una conferenza dal titolo “Attualità di Giovanni GIOLITTI: Riformare per Conservare”, organizzata da C. CALMA Circolo Culturale Amici Letteratura Musica Arti.

Giovanni Giolitti (1842-1928) fu cinque volte presidente del Consiglio dei ministri tra il 1892 e il 1921. Deputato dal 1882 alla morte, ministro del Tesoro e delle Finanze (1889-1891) nel governo presieduto da Francesco Crispi, e dell’Interno in quello guidato da Giuseppe Zanardelli (1901-1903), fu il motore della svolta liberale di inizio Novecento e delle grandi riforme politiche, economiche e sociali che affermarono l’Italia tre le grandi potenze.

Varò il diritto di voto universale maschile (1912-1913), dichiarò e ottenne la sovranità dell’Italia sulla Libia e liberò Rodi e il Dodecaneso dal dominio turco. Nel 1914-1915 tentò di scongiurare l’intervento nella Grande Guerra, che previde lunga, costosa di vite e risorse e devastante per gli equilibri interni e internazionali.

Monarchico e democratico, avversò l’avvento del regime di partito unico e dal 1924 votò contro il governo Mussolini.

Legò il nome alla stagione più fiorente del Novecento: l’ultima di vera indipendenza dell’Italia. È insuperato Statista della Nuova Italia.

ALDO A. MOLA: Già Preside di liceo, docente a contratto di storia contemporanea all’Università Statale di Milano, dal 1992 contitolare della Cattedra Théodore Verhaegen di Bruxelles, è autore del recentissimo Giolitti lI senso dello Stato.

Dal 1982 collaboratore dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito e di quello della Difesa e dell’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Napoli); dirige l’Associazione di studi storici Giovanni Giolitti (con sede a Cavour).

Presiede il Comitato scientifico del mensile “Storia in Rete”. Dal 1980 è Medaglia d’Oro per la Cultura (Decreto Presidente Pertini). Gli sono stati conferiti il Premio Presidenza del Consiglio dei Ministri (2003) e la Targa d’Argento del Presidente della Repubblica (Ciampi, 2005).

Condividi l'articolo

Articolo riportato da

Commenti all'articolo