Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Recensioni
Cinema

Da rivedere – “La nostra vacanza in Scozia”

Commedia britannica di pochi anni fa con un ottimo cast, qualche interessante spunto di riflessione e tanto black humour

30 Novembre
11:00 2017

Anno: 2014

Titolo originale: What We Did On Our Holiday

Paese: Regno Unito

Durata: 95 minuti

Genere: Commedia, Drammatico

Regia: Andy Hamilton, Guy Jenkin

Sceneggiatura: Andy Hamilton, Guy Jenkin

Cast: David Tennant, Rosamund Pike, Billy Connolly, Ben Miller, Amelia Bullmore, Celia Imrie

Tra i tanti prodotti cinematografici che passano senza lasciare traccia di sé per chissà quale motivo si può annoverare una divertente commedia drammatica del 2014 dal titolo La nostra vacanza in Scozia; produzione britannica scritta e diretta da Andy Hamilton e Guy Jenkin con un bel cast, merita una visione, almeno per chi apprezza l’umorismo nero caro a quel paese.

Abi e Doug hanno tre bambini e sono in crisi. In occasione del compleanno del padre di Doug, Gordie, gravemente malato, lasciano Londra con i figli per raggiungere le Highlands scozzesi, dove si terrà una grande festa con parenti e amici. La coppia tenta di salvare le apparenze per non insospettire Gordie e il resto della famiglia, ma la situazione precipita quando l’anziano porta i tre nipotini a fare una gita e muore improvvisamente sulla spiaggia, lasciandoli soli.

La sinossi fa pensare a tutt’altro che a un film divertente, ma se a un primo sguardo lo sviluppo può risultare grottesco e sconclusionato, le situazioni assurde che si avvicendano e la costruzione dei personaggi lo rendono invece spassoso e piacevole, uno di quei racconti dalla natura tragica ma ben mascherati da una dose massiccia e rivitalizzante di black humour tutto britannico.

In particolare, l’esilarante personaggio del nonno Gordie, affidato alle sapienti mani dell’attore scozzese Billy Connolly, è il più riuscito nonché la colonna portante della vena umoristica del film. Quando lui esce di scena subentrano i tre bambini, piccoli personaggi che il più delle volte sono più saggi e maturi dei genitori e degli zii, e che in un momento tragico prendono una decisione drastica e, all’apparenza, sconcertante.

La nostra vacanza in Scozia affronta con leggerezza temi impegnativi come la perdita delle persone care, il peso delle responsabilità, la crisi coniugale tra due genitori e la depressione soprattutto dal punto di vista dei bambini, vittime stressate dai litigi dei grandi i quali riescono nondimeno a trovare dentro di loro la forza per fare la cosa migliore, o almeno ciò che pensano lo sia…

Come già accennato, il cast è composto da ottimi professionisti, che regalano performance divertenti e intense. Il già citato Billy Connolly, attore e musicista, può dire poco allo spettatore italiano ma è riconosciuto come uno dei migliori esponenti della stand-up comedy in patria. Rosamund Pike, che ha dimostrato ampiamente di essere una delle migliori attrici della sua generazione, è qui affiancata da David Tennant, ricordato soprattutto per Doctor Who, e sono rispettivamente Abi e Doug, genitori disfunzionali ma amorevoli.

Meravigliosi i tre giovanissimi attori che interpretano i piccoli Lottie, Mickey e Jess, Emilia Jones, Bobby Smalldridge e Harriet Turnbull. Da citare Ben Miller nei panni del nevrotico zio Gavin, Amelia Bullmore che interpreta la problematica Margaret e Celia Imrie che appare brevemente come assistente sociale.

Girato in meno di una settimana, il film regala splendide visuali delle Highlands scozzesi, tra cui il noto Loch Lomond.

 

Un agrodolce, buffo e commovente racconto, che sdrammatizza temi delicati con una massiccia dose di umorismo e intelligenza.


Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus