Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Cultura

A Torino la Gran Loggia d'Italia apre le porte agli studenti

Una visita all'interno dei Templi della Massoneria

14 Novembre
12:00 2017

La Sede Torino della Gran Loggia d’Italia degli Antichi Liberi Accettati Muratori ha ospitato domenica mattina un gruppo di 60 tra studenti e docenti del Liceo Scientifico Statale J. F. Kennedy di Roma.

Gli ospiti hanno visitato la storica sede di Piazza Castello 29, guidati dal prof. Massimo Frana.

Con i suoi quattro Templi e un grande salone per le conferenze la Sede torinese della GLDI rappresenta uno storico riferimento latomistico della nostra Città.

La presenza a Torino degli studenti romani era finalizzata alla visita del Museo Egizio e delle realtà che hanno svolto un ruolo fondamentale durante il Risorgimento e l'Unità d'Italia, quali appunto la Massoneria o altre realtà  del mondo del volontariato come il SERMIG Arsenale della Pace: con i responsabili di questa struttura gli studenti hanno parlato di prevenzione e recupero delle tossicodipendenze, e di contrasto della povertà.



               


Particolarmente intenso l'incontro con i rappresentanti della GLDI. I ragazzi e gli stessi docenti hanno potuto porre numerose domande e avere chiarimenti sulla Massoneria e sul ruolo che ha avuto nella la storia e nel presente.

La visita ha fornito un’ottima occasione d’incontro tra gli Studenti, i Docenti e i Responsabili regionali della GLDI, molto ricco lo scambio di domande e risposte sui temi storici relativi alla partecipazione politica della Massoneria nelle complesse vicende risorgimentali. Un attento sguardo al presente e al futuro della vita del nostro Paese ha chiarito alcuni dubbi rispondendo alle domande poste sempre in modo intelligente e costruttivo.


Numerosi gli interventi dei Docenti: il prof. Massimo Frana ha sottolineato quanto sia importante dare ai giovani studenti la possibilità di conoscere il mondo che li circonda in tutte le sue sfaccettature e sviluppare così uno spirito critico e autonomo.

 

 

Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo

comments powered by Disqus