Reg. Stampa num.22 del Tribunale Ordinario di Torino - 11 Marzo 2011

redazione@civico20news.it

Recensioni
Elettronica

Freewrite, la macchina da scrivere 2.0

Il progetto, nato su Kickstarter, porta uno dei più eleganti strumenti di scrittura nell'era digitale

25 Febbraio
16:30 2016

La macchina da scrivere è senza ombra di dubbio uno degli strumenti di scrittura più eleganti inventati dall'uomo. Vero e proprio oggetto iconico del XX secolo, con l'avvento dei primi computer, che con il tempo sono diventati sempre più moderni e sofisticati, la macchina da scrivere è stata soppiantata dall'uso comune.

Negli ultimi anni è stata rivalutata grazie anche come elegante oggetto di arredamento e design. E proprio nell'ottica di questa rivalutazione dell'immagine della macchina da scrivere nasce questo progetto.

Ma può uno strumento senza tempo come la macchina da scrivere affacciarsi nel nuovo millennio, fatto di tecnologie sempre più sofisticate? Parrebbe di si.

Ecco l'idea di due startupper americani che con la loro Freewrite vogliono portare il piacere di poter usare una macchina da scrivere nell'era di Internet 2.0.

Il punto di forza di questo particolare strumento di scrittura sta nel combinare la comodità della tecnologia con il design retrò di una macchina da scrivere.

Ciò che ne esce fuori è un prodotto dalle linee marcatamente anni '80-'90, periodi in cui i computer portatili non erano diffusi e sviluppati come oggi.

Freewrite oltretutto riproduce fedelmente il suono della meccanica e dei tasti di una macchina da scrivere analogica. E' presente una connessione wifi che permette però solo di poter salvare i propri elaborati e documenti, sincronizzando la memoria di Freewrite con i più diffusi servizi di web editing e clouding come Google Docs e Evernote.

E' inoltre possibile collegare il dispositivo al pc per mezzo di una usb e la sua batteria integrata permette quattro settimane di autonomia per trenta minuti di utilizzo quotidiano.

Ha un telaio in alluminio da 298 x 237 x 70 mm e 1800 grammi di peso. Nella sua scheda tecnica ci sono due display ad inchiostro elettronico con illuminazione integrata. Il primo, principale, è di 121 x 68 mm; il secondo, usato per le informazioni di stato, è una striscia da 113 x 18 mm.

Freewrite è acquistabile sul sito degli sviluppatori, con spedizione disponibile a partire da Marzo, per la cifra di 499 dollari (circa 400 euro).

Riuscirà questo particolare strumento di scrittura a metà tra la tradizione e l'innovazione tecnologica a fare breccia nel cuore di chi fa della scrittura la propria professione?


Condividi l'articolo

Autore dell'articolo

Commenti all'articolo